Nano Press
Facebook Twitter Google+ YouTube Instagram RSS Feed Italiano English
Serie A 24/01/2012, 10.21 Comments 99 Rumors

Olimpia Milano, offerto Marko Jaric. Parla Livio Proli

Il serbo è free agent dopo la stagione passata a Siena. Proli conferma l'interesse per Bremer

Serie A
L'Olimpia Milano punta su JR Bremer, che Scariolo vuole fortemente perchè ha già avuto modo di allenarlo a Malaga qualche anno fa, ma nelle ultime ore è stato offerto Marko Jaric. Il serbo è free agent dopo la sua esperienza con la maglia della Mens Sana Siena e sarebbe disposto ad effettuare un periodo di prova per permettere al coaching staff milanese di verificare il suo stato di forma. Per Bremer invece, rimane sempre l'ostacolo buyout. La richiesta del Nizhny è tuttora troppo alta. Intanto Livio Proli, dalle pagine de La Gazzetta dello Sport conferma l'interesse per Bremer e parla anche di Ibby Jaaber oltre che del periodo negativo che sta vivendo la squadra.: «Scariolo ha puntato su JR Bremer, perché ha il passaporto europeo e il suo inserimento non comporta tagli, l'ha già allenato e può dare una mano in regia a Cook oltre che essere una alternativa a Nicholas. L'altro sul mercato con queste caratteristiche è Jaaber che non ha il carattere per aiutare a risolvere un problema in parte psicologico. Così ne abbiamo già tanti. Sono deluso della situazione fino ad ora. Perché non abbiamo mai avuto un ritorno, diamo sempre più di quello che riceviamo. Non sto parlando di impegno, ma di professionalità. Abbiamo acquistato sul mercato giocatori che costano tanto per l'esperienza che hanno acquisito al massimo livello europeo ed è inaccettabile che risultino tanto inaffidabili tecnicamente e psicologicamente. Il salario che percepiscono è superiore al loro valore professionale, non chiediamo chissà che ma che siano in grado, col mestiere, di affrontare un momento difficile senza essere spauriti e incapaci di reagire. Ci aspettavamo che, partito Gallinari, gli altri più esperti si riappropriassero della squadra, invece si erano semplicemente nascosti dietro a lui. I giocatori non posseggono quell'esperienza che credevamo di aver acquistatoIl coach non rischia. I giocatori non li conosci davvero finché non li hai in mano: la mancanza di personalità e esperienza che dimostrano è una carenza strutturale della nostra squadra che francamente ci ha spiazzato. Segnali ne avevamo già avuti pur nella partenza positiva, coperti dalla presenza di Gallinari. Ora dobbiamo solo aprire l'ombrello, dare tranquillità all'ambiente altrimenti la terapia, che non può essere che lavorare duro, non fa effetto. Chiediamo ai tifosi e all'opinione pubblica un timeout, ma una settimana non basterà. Sergio è il medico a cui abbiamo affidato la cura. Ho una fiducia altissima nelle sue capacità. Ho già fatto l'errore l'anno scorso di credere che la colpa fosse dell'allenatore e non era vero. Non rischia anche per il futuro: se a giugno ci dovessimo trovare ancora in questa situazione, chi verrà sostituito, oltre a qualche giocatore, sarò io. Non possiamo ogni anno tornare al punto di partenza, senza crescere»
E. Carchia

E. Carchia

Sportando Pro
Comments You must be registered to post a comment Image 99 Comments

Page of 2

Page of 2